Diane Keaton dice che non sapeva nulla del Padrino quando è stata scelta per il suo ruolo

Keaton, come molti altri, non avrebbe mai potuto prevedere il successo del Padrino.

  Diane Keaton Padrino
Immagini di primaria importanza

Il Padrino era uscito nel 1972 e ha aperto la strada a futuri drammi mafiosi, che sarebbero diventati uno dei sottogeneri più popolari oggi. Il cast stellare, tra cui Al Pacino, Robert Duvall, James Caan e Marlon Brando, guiderà il film poliziesco nella storia del cinema, considerato uno dei più grandi film di tutti i tempi. Tuttavia, Diana Keaton , che interpreta Kay, la moglie del boss mafioso emergente Michael Corleone, ha avuto un ruolo fondamentale nel film.

All'inizio del Il Padrino , Michael mostra amore e ammirazione nei confronti di Kay poiché lei è chiaramente la cosa più cruciale nella sua vita in quel momento. Tuttavia, mentre il film continua e suo marito è messo più stressato dai conflitti con la sua famiglia, Kay diventa un ripensamento per Michael. Alla fine, vediamo fino a che punto i due si sono allontanati l'uno dall'altro.



MOVIEWEB VIDEO DEL GIORNO

Keaton si rende conto del significato del suo ruolo nel 50° anniversario di Il Padrino , tuttavia, non ne capiva l'importanza quando fece l'audizione. Che ci crediate o no, l'attrice non aveva letto il bestseller di Mario Puzo, Il Padrino , prima della sua audizione. Lei ammette di Le persone rivista che non sapeva nulla del ruolo o del viaggio che stava per intraprendere.

'Penso che la cosa più gentile che qualcuno abbia mai fatto per me... è che sono stato scelto per essere in Il Padrino e non l'ho nemmeno letto. Non sapevo niente. Stavo solo andando in giro a fare un'audizione. Penso che sia stato fantastico per me. E poi ho dovuto leggere il libro... Penso a quanto sono fortunato. Questo è quello che penso. E il modo in cui penso alle cose, come ho fatto l'audizione per Il Padrino, non avendo mai letto Il Padrino o preoccupato per Il Padrino o qualsiasi altra cosa, perché tutto ciò che stavo facendo era fare un provino. Avevo bisogno di trovare lavoro. Quindi ero lì e così lui mi ha fatto tornare e poi [Coppola] ha scelto me e poi Al Pacino. '

Nonostante praticamente nessuna conoscenza circostante Il Padrino , Keaton ha inchiodato la sua parte nel film e nei sequel successivi.

Diane Keaton afferma che lo studio non voleva Al Pacino

  Pacino ne Il Padrino, parte 2
Immagini di primaria importanza

La performance di Al Pacino in Il Padrino la trilogia è considerata una delle migliori interpretazioni nella storia del cinema, creando un precedente per i film polizieschi. Tuttavia, il primo film è stato notoriamente difficile da realizzare, descritto in dettaglio nella nuova serie Paramount+, L'offerta . Il regista Francis Ford Coppola ha avuto difficoltà a far approvare le sue decisioni sul casting e lo studio era irremovibile sul fatto che non volessero Al Pacino. Diane Keaton condivide un breve ricordo della controversia, dicendo a People che 'non volevano affatto Al Pacino'.

'Lo studio non voleva affatto Al Pacino. Quindi ha portato Al Pacino e abbiamo fatto [l'audizione] insieme per qualche motivo che li ha aiutati a sceglierlo. Riesci a immaginare se [loro] non lo avessero scelto? Quindi un molte di queste esperienze che hai avuto e sei semplicemente sorpreso, come oggi, questa è stata una sorpresa.'

In effetti, la carriera di Al Pacino e l'industria cinematografica potrebbero sembrare molto diverse oggi se il giovane attore non avesse ricevuto il ruolo di Michael Corleone. Ma fortunatamente per gli amanti del cinema, è stato scelto e Coppola è stato in grado di realizzare il suo epico dramma poliziesco, Il Padrino , e due sequel. Keaton avrebbe anche avuto una carriera di successo, riprendendo il suo ruolo in Il Padrino Parte II e III , insieme a Annie Hall , Cerco il signor Goodbar , rossi, e La signora Soffell crediti al suo nome.