Film di Martin McDonagh e Le banshee di Inisherin

Con la recente uscita del trailer del nuovo film di Martin McDonagh, The Banshees of Inisherin, diamo un'occhiata alla sua illustre carriera.

  Colin Farrell e Brendan Glesson in Banshees of Inisherin
Immagini del faro

Traducendo la sua abilità nella sceneggiatura da un drammaturgo del West End di Londra sui grandi schermi di Hollywood, Martin McDonagh L'attitudine di 's per la scrittura di commedie significative ma comiche gli è stata di grande aiuto per affrontare le pressioni esigenze di creare sceneggiature . Dopo essersi fatto un nome al Royal National Theatre, il suo successo dietro le tende rosse sia del West End che di Broadway lo ha visto rapidamente combinare la sua attitudine alla scrittura con un debutto alla regia nel suo cortometraggio vincitore dell'Oscar nel 1996, Sei tiratori . Da allora, ha continuato a scrivere e dirigere tutti e quattro i suoi lungometraggi, capolavori moderni che sono alcuni dei film più caratteristici del nostro tempo.

MOVIEWEB VIDEO DEL GIORNO

Martin McDonagh: Il drammaturgo e sceneggiatore

  Brendan Gleeson in Sei sparatutto
I lavori

In soli quattro film, McDonagh ha stabilito un modus operandi distinto e inconfondibile, sia stilisticamente che testualmente. Contenendo spesso battute taglienti come rasoi, elementi comici oscuri e una vera profondità nascosta nei suoi personaggi, le sue sceneggiature sono sempre a prova di acqua. Tuttavia, ciò che lo distingue dalla commedia drammatica oscura tipicamente algoritmica è il suo amore e l'incorporazione dell'assolutamente profano. Se dovessi far sedere uno spettatore e spiegare i suoi film, nonostante tutta la loro apparentemente offensiva irriverenza (che si tratti di prendere a pugni donne, abusare verbalmente di nani, rubare cani o uccidere preti nel loro luogo di culto), senza dubbio verresti accolto con uno sguardo di totale incredulità sul fatto che tutto ciò fosse in qualche modo divertente e sorprendentemente emotivo.



Tuttavia, per McDonagh, nulla è off-limits indipendentemente da quanto sia prezioso, caratterizzato da una delle battute iniziali del suo debutto alla regia, Sei tiratori. 'Vorrei stare con lei più a lungo, signor Donelly, ma siamo terribilmente occupati', dice un medico a un paziente la cui moglie è appena morta, 'due morti in culla e una donna, suo figlio le ha sparato di dosso la povera testa. '

'È viva o è morta?' chiede il paziente.

'Ah morta, morta, non aveva più la testa addosso come', risponde il dottore, dicendo con disgusto: 'Lascio a te' e uscendo dalla porta.

Mentre le sceneggiature di McDonagh si traducono in essere brutalmente irriverenti, la natura stessa di come vengono pronunciate le battute e, più specificamente, il modo in cui tratta argomenti illeciti con un tale disprezzo esilarante, conferisce ai suoi film questa speciale attrazione gravitazionale. Dal capolavoro teatrale di McDonagh L'uomo dei cuscini ai suoi film Sette psicopatici e Tre cartelloni pubblicitari fuori Ebbing, Missouri , le sue opere sono, nella loro stessa essenza, particolarmente conviviali nonostante gli argomenti di spaccio di droga, omicidio a contratto e moralmente ripugnanti. Forse il suo lavoro veramente essenziale, tuttavia, potrebbe esserlo A Bruges .

A Bruges: La Monna Lisa cinematografica

  Brendan Gleeson e Colin Farrell in A Bruges
Funzioni di messa a fuoco
universale

2008 A Bruges è diventato un tale successo di culto, che qualsiasi visitatore della città delle fiabe belga è obbligato a sottotitolare qualsiasi post sui social media con 'A Bruges'. È il pellegrinaggio di Martin McDonagh; dimentica la cittadina medievale in tutta la sua gloria gotica, con il suo canale veneziano e i parchi romantici, Bruges è ora la casa del sicario assassino di bambini, del 'puf' con un occhio solo e del nano tranquillo per i cavalli. Una versione contorta di Quando Harry ha incontrato Sally , suo Quando Harry ha ucciso Ken.

“Non voglio mancare di rispetto, ma sei un c*nt. Sei un c*nt ora, e sei sempre stato un c*nt. E l'unica cosa che cambierà è che sarai un c*nt ancora più grande. Magari avere qualche figlio in più,” esclama Ken in una delle battute più sprezzanti, caricate ed esilaranti del film. Brendan Gleeson, Colin Farrell e Ralph Fiennes offrono probabilmente alcuni dei loro migliori lavori sotto la direzione di McDonagh.

Gleeson è un cast perfetto nei panni del sicario Ken, inizialmente scontento ed esperto, che, a differenza della sua controparte Ray, è sbalordito dalla bellezza e dal fascino di Bruges. Il ritratto di Colin Farrell dello sconsiderato Ray, che aveva ucciso un ragazzino in un colpo andato storto, è spudoratamente divertente, ma profondamente vulnerabile, suscettibile a questa ironia quasi sadica che lo perseguita per il suo misfatto passato. Un attore noto per la sua eleganza linguistica, Fiennes assume il ruolo di Harry, lo squilibrato boss del crimine organizzato motivato dalla sua stretta aderenza ai suoi principi morali autoregolati, con una vena omicida e sgradevole.

Gleeson e Farrell formano questa vera e naturale sinergia sullo schermo, non proprio simile a un padre e un figlio, ma di uno zio premuroso e di un fuori pista, al confine con il nipote suicida. Carter Bulwell, il grande compositore per le partiture nei film dei fratelli Coen, fa un lavoro estremamente brillante nell'aggiungere riff malinconici al film che aiutano a rafforzare la presenza atmosferica di Bruges.

McDonagh torna in Irlanda con le Banshees di Inisherin

  Colin Farrell ne Le banshee di Inisherin di Martin McDonagh
Immagini del faro

Il nuovo film di McDonagh sarà presentato in anteprima alla prestigiosa Mostra del Cinema di Venezia all'inizio del prossimo mese Le Banshee di Inisherin riunisce i collaudati A Bruges formula di Colin Farrell e Brendan Gleeson come i due protagonisti (insieme a Barry Keoghan), e sembrano interpretare due personaggi alla gola l'uno dell'altro. Aggiungendo un film per formare la sua trilogia delle Isole Arran, insieme a due delle sue opere teatrali, Lo storpio di Inishmaan e Il tenente di Inishmore, Le Banshees di Inishren utilizza l'ambientazione di un'isola irlandese, anche se a differenza di quelle sopra menzionate, Inishren è di fantasia.

Apparentemente ambientato sulla sagoma della guerra civile irlandese del 1923, il film attraversa la faida tra due amici, dopo che uno decide di non voler più conoscersi per un motivo non specificato. Sebbene sia sempre difficile dedurre il tono di un film tramite un trailer di 2 minuti, è quasi infallibile presumere che Le Banshee di Inisherin sarà un prototipo di film di McDonagh con tutte le sue stranezze, la commedia oscura e la propensione per gli incantesimi di barbarie. Il film vedrà McDonagh tornare in Europa e alle sue radici irlandesi dopo il suo recente decennio americano, con aspetti controversi ma brillanti Tre cartelloni pubblicitari fuori Ebbing, Missouri e l'incompreso ma esilarante Sette psicopatici. McDonagh non ha rallentato dai suoi grandi spettacoli irlandesi degli anni '90, e sembra che stia andando avanti.