Michael J. Fox parla di salute e gratitudine: sono davvero in un buon ritmo

Con la sua Michael J. Fox Foundation che celebra il suo 20° anniversario e raggiunge oltre 1 miliardo di dollari per la ricerca sul Parkinson, l'attore spera di trovare una cura.

Michael J. Fox parla di salute e gratitudine: I

Michael J. Fox ha parlato della sua La diagnosi di Parkinson nel 1998, dopo aver combattuto la malattia dal 1991. Durante le riprese Dottor Hollywood , ha notato che una delle sue dita sulla mano sinistra si stava contorcendo e non riusciva a controllarla. Dopo una visita dal medico, gli è stato diagnosticato il morbo di Parkinson. Mentre alcuni di noi potrebbero essere stati infranti dalla diagnosi, Fox ha cercato di trovare gratitudine e rimanere dalla parte dell'ottimismo.



Il Michael J. Fox La Fondazione ha raccolto oltre 1 miliardo di dollari e sta prendendo di mira la malattia. 'Stiamo caricando tutti i cannoni possibili e puntandoli verso il bersaglio', dice Fox. «Uno di loro sparerà e accadrà. La malattia è un problema che sarà lì finché non lo risolverai. Ma siamo fiduciosi.'

Il Parkinson è un disturbo degenerativo a lungo termine del sistema nervoso centrale che interessa principalmente il sistema motorio. I sintomi di solito emergono lentamente e, man mano che la malattia peggiora, i sintomi non motori diventano più comuni. I primi sintomi più evidenti sono tremore, rigidità, lentezza nei movimenti e difficoltà a camminare.

Come si sente fisicamente la Fox? 'Sono davvero in un buon ritmo', dice. 'Ogni giorno è diverso. Il cerchio [di quello che posso fare] si restringe. Ma sono felice di aver trovato cose nel mezzo del cerchio che non possono essere toccate, come la mia famiglia e il tempo che ho con loro.'

Michael J. Fox è stato fonte di ispirazione per generazioni. Il suo ottimismo apparentemente illimitato, classe e talento ci hanno affascinato per decenni . Ha scritto del suo punto più basso nel suo quarto libro di memorie 'No Time Like the Future: An Optimist Considers Mortality', quando nel 2018 hanno trovato un tumore non canceroso sulla sua colonna vertebrale. Stava crescendo rapidamente e causando un dolore lancinante. 'Stavo andando verso la paralisi se non l'avessi operato', ha spiegato.

L'operazione ha comportato rischi significativi, ma fortunatamente ha avuto successo. Iniziò quindi il processo per imparare a camminare di nuovo. Mentre si stava riprendendo con la famiglia a Martha's Vineyard, è tornato nel loro appartamento di New York da solo per girare una piccola parte in un film di Spike Lee. La mattina delle riprese, è caduto in cucina e si è rotto un braccio.

«Quello era sicuramente il mio momento più oscuro . Ho appena scattato. Ero appoggiato al muro della mia cucina, in attesa che arrivasse l'ambulanza, e mi sono sentito come: 'Questo è il minimo per me.' È stato quando ho messo in dubbio tutto. Come, 'Non posso dare una faccia lucida su questo. Non c'è nessun lato positivo in questo, nessun vantaggio. Questo è solo tutto rimpianto e dolore.''

Cominciò a dubitare di poter ritrovare il suo ottimismo, la sua scintilla. O se fosse la persona giusta a cui rivolgersi per incoraggiamento nella perseveranza. 'Parkinson, la mia schiena, il mio braccio... non ha ancora fatto muovere l'ago sull'indice di sofferenza rispetto a quello che alcune persone attraversano', continua. 'Ho pensato, 'Come posso dire a queste persone, 'Chin up. Guarda il lato positivo. Le cose andranno benissimo'?' '

Mentre era confinato a letto, guardando le repliche, solo con i suoi pensieri, ha trovato la strada del ritorno. 'L'ottimismo è davvero radicato nella gratitudine', dice. 'L'ottimismo è sostenibile quando continui a tornare alla gratitudine e ciò che ne consegue è l'accettazione. Accettando che questa cosa è accaduta, e lo accetti per quello che è. Non significa che non puoi sforzarti di cambiare. Non significa che devi accettarlo come una punizione o una penitenza, ma semplicemente metterlo al suo posto. Poi vedi quanto hai per prosperare per il resto della tua vita, e poi puoi andare avanti.'

Ha preso il colpo, ma ha continuato a trovare nuovi modi per prosperare. 'La mia vita ora è tranquilla e mi sto davvero divertendo', dice Fox. 'La gente non mi crede, ma io amo la vita. Amo stare con la mia famiglia. Adoro stare con Tracy. Mi piace il fatto di non fare molte cose inutili che facevo prima, perché non ho né l'energia né il tempo. Sono grato di aver attraversato un crogiolo lì verso la fine degli anni '50. Alla fine ho capito un po' di queste cazzate e non mi ha perseguitato nei miei anni '70 e '80.' Possano tutti trovare la stessa chiarezza.

Michael J. Fox presterà la sua voce al film d'animazione Di nuovo a casa , ispirato dalla resilienza della comunità dopo che una delle più grandi evacuazioni di incendi nella storia del Canada ha avuto un impatto sulla vita di oltre 80.000 residenti. Raccontato attraverso gli occhi delle creature dei boschi che abitano la terra di Fort McMurray Wood Buffalo, Di nuovo a casa ha un cast vocale stellare, che mira a creare consapevolezza sulla salute mentale e avviare conversazioni nelle comunità in tutto il Canada e in tutto il mondo.

Jeremy Renner, Martin Short, Kim Basinger, Eugene Levy, Norm MacDonald, Catherine O'Hara, Howie Mandel, Lorne Cardinal, Gordon Pinsent, Mena Suvari, Bill Burr, Tom Green, Tantoo Cardinal, Marlon Wayans, Harland Williams, Sherri Shepherd, Scott Thompson e Ed Asner si sono uniti per raccontare la storia. Non è stata fissata una data di uscita. Questa notizia ha origine da