Raymond Briggs, autore de Il pupazzo di neve, è morto a 88 anni

L'autore e illustratore di The Snowman, che ha ispirato lo speciale animato, è scomparso.

  Il pupazzo di neve
Il pupazzo di neve

Per così tanti, la stagione delle vacanze non è la stessa senza una visita Il pupazzo di neve . L'amato speciale animato racconta la storia di un ragazzino che costruisce e fa amicizia con un pupazzo di neve, il tutto senza dialoghi. All'inizio di questa settimana, Raymond Briggs , l'autore, illustratore e creatore di Il pupazzo di neve , deceduto. Aveva 88 anni.

Nato nel 1934, Briggs ha intrapreso la carriera di pittura e illustrazione. Il suo lavoro lo avrebbe reso popolare sia tra i bambini che tra gli adulti, guadagnandosi numerosi premi lungo la strada. Nel 1978 pubblicherà Il pupazzo di neve , che ha raccontato la sua storia interamente attraverso le illustrazioni e senza alcun testo. Secondo Briggs, è stato ispirato a creare il libro dopo aver lavorato al suo libro precedente Fungo l'Uomo Nero . Dopo due anni di lavoro su fango e fango, lavorare su qualcosa di pulito è stata una pausa rinfrescante.



MOVIEWEB VIDEO DEL GIORNO

L'adattamento animato di Il pupazzo di neve è stato presentato per la prima volta nel 1982 da TVC (Television Cartoons). Il fondatore dello studio John Coates, a cui aveva lavorato in precedenza Sottomarino giallo, ha prodotto lo speciale e poco dopo sarebbe stato coinvolto in altri adattamenti di Briggs in futuro. Dianne Jackson, che aveva anche lavorato Sottomarino giallo con Coates, è stato regista dello speciale con Jimmy T. Murakami alla supervisione. Il pupazzo di neve è stato nominato per il miglior cortometraggio d'animazione ai 55th Academy Awards (perdendo contro Rimuovere di Zbigniew Rybczyński). Il corto avrebbe vinto il BAFTA per il miglior programma per bambini e il Grand Prix al Tampere Film Festival nel 1984. Il film ha anche ottenuto il posto n. 71 nella classifica dei 100 migliori programmi televisivi britannici del British Film Institute ed è arrivato terzo nella lista dei 100 di Channel 4 I migliori momenti di Natale nel 2004.

Le storie che vale la pena raccontare

  L'orso e Babbo Natale
L'orso e Babbo Natale

Il successo di The Snowman avrebbe dato il via libera a ulteriori adattamenti animati di Briggs. Altri due progetti legati al Natale sarebbero stati realizzati dal team. Nel 1991, Babbo Natale in anteprima, che era basato su due libri di Briggs. Lo speciale seguiva Babbo Natale (interpretato da Mel Smith e poi doppiato da William Dennis Hunt per la versione americana) mentre viaggiava in tutto il mondo alla ricerca di un posto decente dove alzarsi e prendersi una vera vacanza. Nel 1998 è stato presentato al pubblico L'orso . A differenza di Babbo Natale , questo cortometraggio era più vicino a The Snowman. Il film era privo di dialoghi e raccontava la sua storia attraverso l'animazione e la colonna sonora, sebbene la versione americana avesse la narrazione di Judi Dench.

Le storie di Brigg non erano solo magia e neve. L'autore racconterebbe anche le storie meno piacevoli, ma altrettanto importanti. Nel 1982 ha pubblicato Quando soffia il vento , una graphic novel che segue una coppia rurale inglese che cerca di sopravvivere a un attacco nucleare dell'Unione Sovietica. L'adattamento cinematografico, presentato in anteprima nel 1986, era un mix tra stop motion e animazione tradizionale.

L'ultimo film in cui Briggs sarebbe stato coinvolto era basato su un'altra sua graphic novel. Ethel ed Ernest era la lettera d'amore di Briggs a sua madre e suo padre, che raccontava la loro storia dal primo incontro e fino alla loro morte. I due sarebbero sopravvissuti a più eventi, inclusa la preparazione per la seconda guerra mondiale. L'adattamento cinematografico di Ethel ed Ernest è stato presentato in anteprima nel 2016 e interpretato da Jim Broadbent, Brenda Blethyn e Luke Treadaway.

La vita di un artista è creare ciò che vuoi creare. A volte il tuo cuore ti dice di dare vita a qualcosa di innocente, a volte il tuo cuore ti dice di esprimere le paure che hai avuto crescendo attraverso disastri storici. Raymond Briggs ha catturato il cuore di milioni di persone all'inizio della sua carriera, ma non aveva mai smesso di raccontare quelle storie che credeva importanti, proprio come un vero artista e narratore.